Salute, Benessere, Scelte individuali

gavino macioccoNegli ultimi dieci anni sono stati proposti nuovi modelli di gestione delle malattie croniche basati sulla “proattività” e sulla “sanità d’iniziativa”. Il più noto di questi è il “Chronic Care Model”, (1)sviluppato negli Stati Uniti e sperimentato con successo in diverse altre realtà come Canada, Gran Bretagna, Olanda e Germania (vedi qui )Tale modello (Figura 1) si basa su due principi:

ferdinando schiavoRischio clinicoHo già toccato questo argomento in un articolo comparso nel 2016 su www.perlungavita.it. Il titolo é: Gli abusi nascosti e il senso perduto di responsabilità, e magari merita di essere riletto subito dopo questo.
Il tema. Capita di ricevere rare ma consistenti reazioni di protesta che odorano di ostilità nei miei confronti al termine di una conferenza a comuni cittadini, oppure in risposta a quanto saltuariamente scrivo sul mio FB professionale commentando notizie utili alla gente e validate sotto il profilo scientifico.

maria cattinariLa Legge 219/2017 è entrata in vigore, dopo la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, il 31 gennaio 2018. Posso scrivere “Alleluia!”?
“Per lunga vita” ha dato largo spazio all’evento, pubblicando articoli e approfondimenti ma certo c’è ancora molto da lavorare per far conoscere e funzionare questa buona legge ed anche, certamente, per difenderla dai non pochi tentativi di modificarla in senso restrittivo, limitando il nostro diritto all’autodeterminazione terapeutica che, finalmente, questa legge ci riconosce.

ferdinando schiavoEra ora! Il 18 gennaio 2018 sui maggiori quotidiani sono apparse notizie confortanti per chi combatte contro la solitudine, quella personale e quella degli altri.Solitudine
Su Repubblica il titolo era incoraggiante: La solitudine al potere per aiutare i single.
Insomma, il governo inglese conservatore ha sposato la proposta della deputata laburista Jo Cox, assassinata da un fanatico di estrema destra quasi due anni fa, ed ha istituito un ministero della solitudine con il compito di occuparsi di questa epidemia sociale. L’articolo riporta le cifre inglesi e ci torna a ricordare che quelle italiane dell’ISTAT indicano percentuali superiori rispetto all’oltremanica: quasi il 32% delle famiglie italiane sono composte di una sola persona. Un italiano su tre, e quasi la metà di questi ha superato i fatidici 65 anni. In maggioranza sono donne. Sole, in aumento percentuale ulteriore rispetto agli uomini col passare degli anni per la nota maggior sopravvivenza.

rita rossiUna legge sotto l'albero potremmo dire. Si tratta della legge approvata definitivamente dal Parlamento pochi giorni fa, il 14 dicembre e non ancora pubblicata; una legge attesa, che sta facendo parlare di sè, e che - come tutte le leggi che chiamano in causa i valori di ciascuno di noi - suscita sensazioni differenziate.
Da giurista, cercherò di fare una panoramica oggettiva, non senza richiamarne i punti di forza e gli aspetti critici.
Mi preme dire, innanzitutto, che la parte più innovativa di questa legge è senz'altro quella sulle DAT - Disposizioni Anticipate di trattamento (leggi anche "biotestamento") ma non è soltanto questo.
Il Legislatore ha, infatti, introdotto una disciplina unitaria dei diritti del paziente e dei rapporti tra paziente e medico, considerandone e regolamentandone tutti i profili: consenso informato, doveri e responsabilità del medico, relazione di cura, pianificazione delle cure, decisioni relative al fine vita, partecipazione dei familiari, accanimento terapeutico, cure palliative, disposizioni anticipate di trattamento.

ferdinando schiavoIl 7 Ottobre 2016 l’AIFA – Agenzia Italiana del Farmaco - ci faceva conoscere Colombo Levi 4un utile messaggio della FDA (il corrispettivo statunitense: www.fda.gov/consumer) “Pazienti anziani: dall’FDA americana 4 consigli utili per utilizzare i farmaci in sicurezza”.
Eccolo. Ho provveduto a sottolinearne alcuni passaggi.
Per utilizzare i farmaci in sicurezza occorre prestare attenzione in ogni età della vita e in maniera particolare dal sesto decennio in poi. Questo il messaggio lanciato dalla Foodand Drug Administration (FDA)  ai pazienti anziani, con la pubblicazione di consigli utili da mettere in pratica prima di assumere farmaci (che siano da banco o dietro prescrizione medica) facendo attenzione anche alle possibili interazioni con l’assunzione di preparazioni a base di erbe e integratori.

maria cattinariIl 14 Dicembre il Senato ha approvato in via definitiva la legge sul Testamento Biologico “Norme in materia di consenso informato e disposizioni anticipate di trattamento”. Solo otto articoli con cui si riconosce finalmente e pienamente il diritto all’autodeterminazione terapeutica, diritto già di rango costituzionale (comma 2° art. 32) come riconosciuto da tante sentenze della magistratura e dalla stessa Consulta (sentenza 438 del dicembre 2008).
Un traguardo da tanto tempo atteso, frutto dell’impegno costante, protratto per tanti anni, dalla Società Civile organizzata in Associazioni (Libera-Uscita – Per Eluana - Coscioni – Exit-Italia - Consulta di Bioetica) o in Movimenti come fu quello “Liberi di scegliere” cui diede vita il Dr. Zuppiroli a Firenze. Un traguardo segnato dall’impegno di tanti nomi illustri, tra cui spiccano quelli di Stefano Rodotà e Umberto Veronesi, già Soci Onorari di Libera-Uscita.
Penso che questa Legge di civiltà dovrebbe portare due nomi: Welby ed Englaro. 

cristina manfrediniHANDImatica www.handimatica.com è una mostra-convegno nazionale, unica nel suo genere, dedicata alle tecnologie digitali per una società inclusiva nella quale tutti possano partecipare con le loro potenzialità, sentendosi apprezzati. Giunta alla sua undicesima edizione, la manifestazione, a cadenza biennale, è ideata e realizzata dalla Fondazione ASPHI Onlus , nata nel 1980 per “promuovere l’integrazione delle persone disabili nella scuola, nel lavoro e nella società attraverso l’uso delle tecnologie digitali”. Per la sua attività la Fondazione è sostenuta da imprese e istituzioni che, nell’ambito della loro responsabilità sociale d’impresa, supportano iniziative a favore dell’uso delle tecnologie per l’inclusione sociale delle persone con disabilità. HANDImatica persegue i seguenti obiettivi: